Ashim

ATTENZIONE: questa pagina è attualmente in costruzione!

ASHIM (4)

Peculiarità: Nell’Aetermundi non esiste pianeta più grande di Ashim, il quarto. Non ha stagioni cicliche, ma localizzate a zone. È spesso tempestato da cataclismi dalle proporzioni più disparate. Le terre sono conformate secondo i Torrenti. Ashim ha all’esterno un esteso e vistoso sistema di anelli che consiste in particelle di ghiaccio e polveri di silicati. Attorno al pianeta orbitano all’incirca cinquanta lune di scarsa rilevanza, più alcune più grandi ma non paragonabili a quelle di Ter, Syfed o Hedion.

Creazione: Gli Imperituri unirono i loro soffi per creare un mondo in cui i draghi potessero coesistere in pace con gli esseri umani. Da principio fu così, ma poi alcuni Imperituri si ribellarono al piano originale ritenendoli solo bestiame e schiavi, nulla di più. La loro superbia scatenò una guerra tra Imperituri e lo squilibrio di Ashim, ora in balia dei cataclismi. Fu così che si diffuse la cultura in cui i draghi dovevano essere venerati per evitare la loro tirannia, tuttavia gli Imperituri diedero la possibilità ai mortali di ascendere allo stato di drago. Nel tempo gli Ascesi soppiantarono i draghi senzienti e quelli bestiali, divenendo gli dèi. Gli Imperituri che volevano morti gli umani furono uccisi o intrappolati.

Emblema: Un drago composto da cristalli dai riflessi prismatici acciambellato su sé stesso.

Opere in essere: Nessuna.

Opere in progetto: Progetto “Ascesi”, una saga high fantasy dall’ampio respiro epico.

Commento dell’autore: Chiunque abbia letto “Il tempo dei mezzosangue“, conoscendo Namias e altri dettagli che lo riguardano, quindi saranno impazienti di leggere le storie ambientate su Ashim. Ci tengo però ad avvisare i lettori che questo progetto sarà forse la mia opera magna, la mia “Folgoluce“, “Il Signore degli Anelli” e “La ruota del tempo“, insomma il mio apice, almeno spero. Questo richiederà una mole di lavoro assurda, ho bisogno di tanto tempo per curare ogni dettaglio, tempo che mi aiuta a migliorare il progetto con continue idee. Ci sto già lavorando, sia chiaro, ma ci vorrà qualche hanno prima che inizi a scrivere il primo romanzo.