Aetermundi

L’Aetermundi è l’universo narrativo in cui sono ambientate tutte le mie opere che, se pur leggibili l’una indipendentemente dalle altre, presentano delle linee di connessione, delle volte più marcate e altre quasi impercettibili.
IMPORTANTE: questa pagina è un work in progress, verranno aggiunti tutti i dettagli nel corso del tempo.

 

COSMOGONIA

L’Aetermundi è un sistema planetario composto da sette mondi che ruotano attorno a una stella che funge da asse centrale, nonché da sole. I pianeti mantengono sempre la stessa distanza tra loro nonostante la rotazione attorno alla stella e, guardandoli da una certa prospettiva, creano il segno dell’infinito grazie a una flebile nebulosa che li collega in un disegno affascinante. Tuttavia non sono fisicamente nello stesso sistema, ma sono extra-dimensionali.

I pianeti sono semi-speculari, mantengono degli elementi basilari in comune, come alcune razze, animali, clima e sistema meteorologico, ma non vale per ognuno di essi. Altri elementi si differenziano, delle volte anche totalmente.

Nessuno può affermare con sicurezza come abbia avuto origine l’Aetermundi, ma si narra che in principio tutto ebbe inizio su un altro sistema planetario, all’interno di un mondo dove scaturì il Gran Conflitto tra il Perpetuo e l’Avversario.

Allora il Perpetuo isolò quel pianeta con un’alterazione dimensionale in modo da arginare il dissidio e non far contaminare gli altri, ma l’Avversario non si fermò. Così il Perpetuo trasse altri sei mondi dal primo, ispirati a esso ma di grandezze e leggi differenti. Li tenne collegati tra loro in un moto infinito, attraverso un artificio dimensionale che li rende parte dello stesso sistema planetario eppure non fisicamente nello stesso.

Il conflitto divenne intenso in ciascuno dei sette mondi, su cui si manifestarono delle proiezioni del Perpetuo e dell’Avversario, assieme ai loro seguiti, che si contendono tutt’oggi i pianeti e i loro abitanti per qualcosa di molto più grande, di incomprensibile natura a qualunque mortale, ma di rilevanza esistenziale per l’intero universo e le varie galassie.

Questo dissidio avviene sotto forme differenti, manifestandosi in maniere peculiari, visibili o invisibili, note o celate. Nessuno sa quanto gli eventi su un pianeta si ripercuotano su un altro, ma è certo che sono tutti collegati tra loro nella visione d’insieme. E, anche se i mondi non posso vedersi tra loro, ci sono vie e sistemi per intercedere. Un segreto quasi sempre mantenuto dagli esseri che combattono per il Perpetuo e per l’Avversario.

Ma, in fin dei conti, nessuno può affermare che sia così, come non può affermare il contrario. Ogni pianeta dell’Aetermundi ha la sua storia, i suoi abitanti e una creazione che si tramanda da migliaia di anni, l’una differente dalle altre.

Sta soltanto a voi decidere a quale versione credere, oppure potrete formularne delle altre. Tuttavia una cosa è certa: l’Aetermundi è vittima di un antico conflitto dalle dimensioni a noi incomprensibili.

Attualmente i pianeti che compongono l’Aetermundi sono sette, ma non c’è alcuna garanzia che il numero resti invariato. I pianeti sono i seguenti: Syfed, Avosh, Blover, Ashim, Obsur, Ter e Hedion.

aetermundi 1

 

SYFED (1)

Peculiarità: Syfed è il primo pianeta dell’Aetermundi. Ha due satelliti che gli ruotano attorno e sono entrambi di grandezza rilevante, dando così a ogni notte due lune capaci di assumere colorazioni ed effetti particolari in base alla distanza tra loro.
Syfed ha anche un piano astratto sovradimensionale ancorato a sé, sovrapposto al piano materiale. Viene chiamato Dastral o anche piano etereo, dove si generano gli etherist, le essenze malevoli.

Creazione: In principio era un pianeta vuoto, ma Lord ÁO decise di inviare tre schiere, composte da sette Astrali, per disegnare la vita. Così le tre schiere si divisero i compiti e incisero la creazione, ma poi, una di esse, si ribellò alle altre nel desiderio di voler dominare su Syfed. L’aspro conflitto generò le essenze malevoli, ovvero esseri nati da azioni malvagie intenti a tormentare i viventi. Allora le due schiere ancora fedeli ad ÁO confinarono gli etherist in Dastral, un piano etereo appositamente scritto e sovrapposto a quello materiale, dove sarebbero sorti e confinate tutte le essenze malevoli generate dalle azioni malvagie.

Emblema: Un aior (croce dei taumaturghi) stretto in una mano spettrale.

Romanzi: Progetto “Taumaturghi”. Una serie di romanzi fantasy epico autoconclusivi. Il racconto “Vaarthol e la palude dei lamenti”.

AVOSH (2)

Peculiarità: Secondo pianeta dell’Aetermundi, Avosh si differenzia dagli altri per la sua nube gassosa che lo circonda, concedendogli un aspetto psichedelico, quasi onirico. Non presenta satelliti né stagioni, è in una perpetua stagione tra la primavera e l’autunno.

Creazione: Avosh non è altro che un mondo generato dal pensiero di un Onnielso, ovvero un Eccelso in/di Tutto, all’interno della sua mente. I suoi pensieri consci e inconsci si manifestano in esso attraverso gli Onnienti, che a loro volta sbloccano i varchi dei mortali per creare degli Occlusori.

Emblema: Un occhio con l’iride dal viola iridescente, senza sclera né pupilla, ma con 10 simboli al suo interno (4 bronzo, 3 argento e 3 oro), raffiguranti i varchi psichici degli occlusori.

Romanzi: Progetto “Occlusori”. Fantasy dalle sfumature piscologiche, oniriche e horror.

BLOVER (3)

Peculiarità: Blover, terzo pianeta dell’Aetermundi, ha una luna di grandezza rilevante e un satellite più piccolo che spesso viene confuso per una stella. Presenta quattro stagioni e rappresenta uno dei mondi più floridi.

Creazione: Il Creatore decise di far sbocciare Blover nell’universo, inneggiando un concerto di vita, ma, invidioso del suo lavoro, il Distruttore è sceso su di esso per annientarlo.

Emblema: Le tre lame-pugnali incrociate tra loro su un globo di forza.

Romanzi: Il low fantasy “Le lame scarlatte” (LLS). In progetto “Le lame cineree” (prequel 10 anni prima di LLS) e “Le lame cerulee” (sequel 7 anni dopo di LLS).

 

ASHIM (4)

Peculiarità: Nell’Aetermundi non esiste pianeta più grande di Ashim, il quarto. Non ha stagioni cicliche, ma localizzate a zone. È spesso tempestato da cataclismi dalle proporzioni più disparate. Le terre sono conformate secondo i Torrenti. Ashim ha un esteso e vistoso sistema di anelli che consiste in particelle di ghiaccio e polveri di silicati. Attorno al pianeta orbitano all’incirca cinquanta lune di scarsa rilevanza, più alcune più grandi ma non paragonabili a quelle di Ter, Syfed o Hedion.

Creazione: Gli Imperituri unirono i loro soffi per creare un mondo in cui i draghi potessero coesistere in pace con gli esseri umani. Da principio fu così, ma poi alcuni Imperituri si ribellarono al piano originale ritenendoli solo bestiame o schiavi, nulla di più. La loro superbia scatenò una guerra tra Imperituri e lo squilibrio di Ashim, ora in balia dei cataclismi. Fu così che si diffuse la cultura in cui i draghi dovevano essere venerati per evitare la loro tirannia, tuttavia gli Imperituri diedero la possibilità ai mortali di ascendere allo stato di drago. Nel tempo gli Ascesi soppiantarono i draghi senzienti e quelli bestiali, divenendo gli dèi. Gli Imperituri che volevano morti gli umani furono uccisi o intrappolati.

Emblema: Un drago composto da cristalli dai riflessi prismatici acciambellato su sé stesso.

Romanzi: Progetto “Ascesi”. Saga fantasy epico.

OBSUR (5)

Peculiarità: Il quinto pianeta dell’Aetermundi presenta una delle condizioni più bizzarre del sistema, in quanto è in continuo mutamento a causa di una massa di tenebre che aleggia sull’esosfera, impedendo alla luce del sole di passare e quindi alterando stagioni e durata delle giornate.

Creazione: In principio era l’oscurità, e Abaddon proliferava, desiderando inghiottire qualunque cosa incontrasse sul suo cammino. Il buco nero attirava ogni cosa e la faceva sua nelle tenebre. Ma Or decise di intervenire: lo fermò nello spazio e il conflitto creò una sorta di equilibrio, generando Obsur. Abaddon si infuriò, essendo parte involontaria di questa creazione, e decise di inghiottire il mondo, ma da allora la vita ha proliferato nonostante le avversità. Così Abaddon iniziò a corrompere i mortali e a inviare delle manifestazioni mostruose di se stesso per spezzare l’equilibrio, nel tentativo di chiudere ogni via d’accesso alla luce e tornare a inghiottire mondi.

Emblema: Un globo di luce bianca avvolto in una coltre di tenebre a forma serpentina.

Romanzi: Il dark fantasy “La progenie di Abaddon”. In progetto “La progenie di Or”.

TER (6)

Peculiarità: Il sesto pianeta dell’Aetermundi, Ter, è avvolto da una esocriosfera che serve a mitigare il calore proveniente dal nucleo della terra e quello dei raggi solari dall’esterno. Ter è un pianeta molto florido, con una sola luna e un ciclo di quattro stagioni.

Creazione: Reelynoor decise di concedere a Ely, madre dall’ariacqua, e Nor, padre del terrafuoco, la possibilità di adoperarsi per creare un nuovo mondo: Ter. Tuttavia, dopo aver fatto ogni cosa, si adoperarono per creare degli esseri viventi, ma videro che questi rappresentavano solo il ghiaccio o il magma, tra l’altro in conflitto tra loro. Fu allora che Ely e Nor unirono le loro capacità: fusero acqua e terra per creare il fango, e aria e fuoco per lo spirito di vita. Unirono i loro elementi e crearono ogni sorta di animale, in cielo, in terre e nell’acqua. Allora Ely e Nor, così diversi ma uniti nella creazione, si amarono platonicamente e insieme fecero l’essere umano. Tuttavia le creature di ariacqua e di terrafuoco furono gelosi degli umani e cercarono di sterminarli. Allora Ely si confinò con essi attorno al mondo, formando la esocriosfera, mentre Nor confinò i suoi terrafuoco al centro di Ter, in un sonno perenne per amor delle creature che avevano fatto assieme. Da allora, quando nevica, scendono anche le dhur’ely, mentre la terra produce le dhur’nor. Entrambe sono le lacrime di Nor e di Ely, versate nel loro sonno a causa del dolore per un amore interrotto.

Emblema: Una terra con il nucleo di magma e l’esosfera di ghiaccio.

Romanzi: Progetto “Il crepuscolo degli dèi”, bilogia fantasy epico. Il racconto “Belwar: il ritorno del Forgiamorte”. In progettazione “La nascita del Forgiamorte”. “La guerra dei titani”.

HEDION (7)

Peculiarità: Settimo e ultimo pianeta dell’Aetermundi, Hedion presenta una peculiarità unica, ovvero ha due piani intradimensionali: Ielel, chiamato anche i Sette Cieli e dimora dei principati celesti; e Ozo, noto come i Nove Abissi, la prigione dei principati abissali (o arcidemoni). Il pianeta è tra i più rigogliosi e proliferi del sistema.

Creazione: L’Unico disse: facciamo Hedion. Allora la parola dell’Unico divennero terra, aria, acqua e carne. Ogni cosa venne fatta dai tre che componevano l’Unico e videro che tutto era buono. Ma uno dei sette principati dei Sette Cieli, il più bello e lucente, ebbe in cuor suo di diventare come l’Unico, allora lo accusò di essere ingiusto, di non lasciare liberi di scegliere le sue creatura. Fu così che discese su Hedion e corruppe i Primi, manifestando il suo vero interesse. L’Unico lo bandì dai Sette Cieli, ma poiché non poteva lasciarlo girovagare per Hedion, lo vincolò nei Nove Abissi sotto forma di spirito. Le creature immortali che lo avevano seguito, credendo alle sue menzogne, andarono con lui.

Emblema: Una figura angelica sopra con sotto una rovesciata, speculare ma in forma demoniaca. Le due figure creano un cerchio con le ali che si toccano, composte da fasce dorate e fasce color sangue.

Romanzi: La trilogia fantasy epico “Il tempo dei mezzosangue” (ITDM). Da progettare “Il tempo degli eroi” (prequel a circa 110 anni prima ITDM), “Il tempo degli eredi” (sequel a circa 20 anni dopo ITDM), “La leggenda di Leggenda” (spin-off), “Cacciademoni” (spin-off sequel ITDM), “Il Corvo del Malaugurio” (spin-off sequel ITDM), “La ballata dell’assassino” (spin-off sequel ITDM), “L’Orda mezzosangue” (spin-off sequel ITDM).

PIANI DIMENSIONALI ASTRATTI O SEMI-ASTRATTI

 

DASTRAL

È un piano astratto, composto da materia eterea e sovrapposto a quello materiale, ma invisibile a esso. Vi sono racchiusi tutti gli etherist, o essenze malevoli, che scaturiscono dalle azioni malvage dei mortali. Dastral è sovrapposto a Syfed.

IELEL

Nel cielo di Hedion c’è un piano dimensionale semi-materiale composto da sette livelli sviluppati in altezza, ognuno appartenente a uno dei principati celesti. Il piano di Ielel è noto anche come i Sette Cieli e sono di una bellezza indicibile.

Gamiel lo Speranzoso (Messaggero e parte dell’Unico)
Hadiel la Guardiana (Custode)
Eliel l’Amorevole (Guaritrice e parte dell’Unico)
Thenediel il Sapiente (Veggente)
Izriel la Coraggiosa (Combattente)
Azaziel il Giusto (Giudice)
Iel lo Splendente (Creatore e parte dell’Unico)

OZO

Negli antri più oscuri di Hedion, nella profondità della terra, c’è il piano dimensionale semi-materiale formato da nove strati, uno più insidioso dell’altro e brulicante di demoni sottomessi all’Arcidemone predisposto come loro Signore. I nove principati abissali sono stati vincolati in Ozo, come loro prigione per non invadere Hedion.

Jezial l’Indolente. Signore del Primo Abisso
Flegedo il Furente. Signore del Secondo Abisso
Namauk l’Insaziabile. Signora del Terzo Abisso
Lavianash la Polimorfa. Signora del Quarto Abisso
Sharania la Seduttrice. Signora del Quinto Abisso
Magnuloth il Tiranno. Signore del Sesto Abisso
Alfalel l’Altezzosa. Signore del Settimo Abisso
Xararax la Distruttrice. Signora dell’Ottavo Abisso
Adonedeus il Luminare. Signore del Nono Abisso