News / Novità, Reviews / Recensioni

L’ascesa della chimera recensito da Altea Alaryssa Gardini per il blog “Cultura al femminile”

Il mio primo volume della saga Epic Fantasy “Il tempo dei mezzosangue” viene recensito da Altea Alaryssa Gardini per il blog “Cultura al femminile”. Che cosa ne pensa? Be’ date un’occhiata da voi al seguente link: Recensione di Altea su L’ascesa della chimera

IL TEMPO DEI MEZZOSANGUEcopertinafinitafronte

Nel caso vi fosse più comodo, vi copio e incollo qui il testo della recensione:

Il tempo dei mezzosangue – l’ascesa della chimera è il primo volume della nuova saga di Rob Himmel ed è edita per Dark Zone.

Alcune avventure sono già scritte in una profezia e, si sa, il destino è quel che è: nulla si può fare per sfuggirgli, puoi solo scegliere l’atteggiamento con il quale fronteggiarlo. Puoi prepararti per l’avvenire che ti si parerà davanti ma ti troverai comunque a doverti specchiare nelle acque del tuo animo, quale strada sceglierai futuro eroe? La picchiata del falco o placide acque marine?

Poi, ci sono esistenze che stanno cercando la propria strada. Alcuni hanno bisogno di essere spinti fuori di casa per mettere un piede davanti l’altro e poter, infine, capire se stessi.

E quando il tuo sangue ti dice che, agli occhi degli altri, non sei né carne né pesce? Se la tua gente ti rifiutasse? Se fossi tu a non sapere cosa sei?

Quale sentiero imboccherai per dare pace al tuo cuore?

Questa è l’inizio della storia di giovani che, come in ogni inizio di un’avventura che si rispetti, si troveranno l’uno sulla strada dell’altro e daranno vita ad antiche parole che potrebbero cambiare la loro via e, forse, cambiare il mondo.

Si ha sempre una scelta con il destino: puoi assecondarlo o importi su di esso. Puoi provargli che si sbaglia su di te e costringerlo a solcare una via diversa.

«Le cose non saranno più le stesse tra di noi, non è vero?» chiese, calmo, il mezzelfo. Raistlin lo fissò per un istante e Tanis colse un fugace lampo di rimpianto negli occhi del mago, un desiderio di fiducia e amicizia e di ritorno ai giorni della loro gioventù.

«No, ma questo è il prezzo che ho pagato»

«Prezzo a chi, e per cosa?»

«Non posso darti una risposta, Tanis, perchè neppure io la conosco»

(DragonLance – I draghi della notte di inverno)

Rob Himmel, l’autore di questo preludio, ha messo su carta la storia di questi personaggi che era nata attorno ad un tavolo da gioco e io, da giocatrice, non posso far altro che ringraziarlo. Intorno al tavolo, seppur con schede che subiscono il calcolo numerico e la sorte dei dadi, i personaggi prendono vita, spesso imponendosi sulle volontà di coloro che li interpretano e Rob Himmel ha deciso di donargli giustizia donando ad altri la gioia di conoscere l’avventura corale di un gruppo e dei suoi personaggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...